La cappella milano del Grand Hotel Villa Torretta

All’interno del parco di Grand Hotel Villa Torretta sorge l’Oratorio di Santa Margherita importante esempio di cappella gentilizia della diocesi milanese, ideata in primo luogo come cappella privata, ai tempi di Delia Spinola, fino ad assumere anche una contestuale funzione pubblica.
L’oratorio, dedicato a Santa Margherita, venne riedificato entro il 1607 sull’area di un preesistente edificio religioso forse di origine medioevale sempre dalla contessa Delia Spinola Anguissola.
Contitolari, come risulta da una iscrizione del 1603 oggi scomparsa ma trascritta negli atti della visita pastorale di Federico Borromeo del 1621, erano i Santi Domenico e Francesco; la medesima iscrizione commemorava “comitissam Deliam Spinolam Anguisciolam” in quanto fondatrice.
I tre Santi titolari erano raffigurati su tre vetrate istoriate (oggi scomparse): un elemento di ricchezza decorativo insolito per un oratorio, dal momento che nelle descrizioni contenute nei verbali delle visite pastorali e vicariali sei-settecentesche non è infrequente imbattersi in oratori, e talora persino in chiese parrocchiali, le cui finestre erano chiuse da semplici antoni di legno o teli.
L’elegante facciata dell’Oratorio, di forme manieristiche, racchiude, al suo interno, affreschi raffiguranti i Santi, la Vergine e angeli musicanti, la cui paternità é incerta.
Tuttora consacrata, vi si celebrano messe domenicali.